Chirurgia rigenerativa

5-chirurgiaCHIRURGIA RIGENERATIVA

Consiste nel rigenerare tessuto gengivale e osseo ,andato perduto in seguito a malattia, oppure a causa di infezioni ossee causate da cisti, granulomi ,difetti molto profondi ,con utilizzo di innesti ossei che poi vengono ricoperti da tessuti gengivali o da membrane, gli innesti sono spesso di osso autologo (dallo stesso paziente), oppure di osso di sintesi, molti risultati positivi sono stati ottenuti con un materiale che si chiama beta-fosfato-tricalcico , sono granuli che vengono inseriti nelle cavità ossee ed adeguatamente rivestiti con membrane di collagene    sostituiti da osso nascente in un periodo che varia da tre a sei mesi, questa metodica, nuova, affinata dal Dott. Motta negli Stati Uniti ,permette una neoformazione ossea certa ,senza dover prelevare da un' altro sito l' osso necessario, con una mini-invasività non raggiungibile in passato e quindi con vantaggi notevoli per il paziente.

 
La tecnica si avvale dell'uso di sostanze alloplastiche, di varia natura, che se opportunamente trattate, si trasformano in osso, dando la possibilità di poter inserire impianti oppure di poter stabilizzare elementi dentari esistenti, che abbiano subito dei riassorbimenti ossei importanti.

Il tempo di attesa varia in funzione del materiale utilizzato, in genere sono necessari 5/6 Messi affinché il materiale si trasformi in osso.

La procedura deve essere eseguita con il massimo grado di sterilità e competenza, al fine di evitare che il paziente abbia dolori e gonfiori nel post-operatorio.

L'utilizzo della colla di fibrina, come addensante, contribuisce a rigenerare quantità di osso non indifferenti, senza l'ausilio di innesti autologhi, invasivi e fastidiosi.
Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.